top of page
  • Immagine del redattorePenelope West

Bikini: come nasce, qual è la sua storia e perché si chiama così?

Il Bikini nasce, diciamo ufficialmente, il 5 luglio 1946. Il Bikini, il famosissimo costume a due pezzi, nasce in Italia, almeno in maniera ufficiale, nel dopoguerra. La storia del bikini non è scontata come si pensa, anzi è particolare e complessa. Torniamo un po' indietro nel tempo.


Parliamo del periodo degli antichi romani con riferimento ai mosaici che raffigurano donne in bikini. Si trattava, al tempo, donne sportive, dedicate all’atletica. Al tempo, chiaramente non venivano utilizzati i costumi per andare a mare o per la nostra famosa tintarella. Tuttavia, resta la cosa più vicina al costume dei nostri tempi.

Nel corso degli anni, il ruolo della donna cambia. Dopo secoli e secoli, le abitudini culturali si modificano e anche gli abiti si adattano. Coco Chanel negli anni ‘20 inizia a creare gli abiti corti, scollati e con dei pantaloncini staccati dalla parte superiore del vestito.


Nel 1932 Jacques Heim, designer di moda francese, crea un costume da bagno davvero succinto, molto piccolo. Sapete come veniva chiamato? “L’Atome” proprio a causa delle sue minime dimensioni.


Nonostante il clamore provocato al tempo da questo precursore del moderno bikini, va comunque detto che questo costume era piccolo, si, ma non abbastanza. Il costume, infatti, copriva ancora l’ombelico. Da lì, sarebbero trascorsi ancora molto anni prima che qualcuno riducesse ulteriormente le dimensioni del bikini.



Quando e come nasce il bikini


La data ufficiale in cui nasce il bikini, è il 5 luglio 1946. Louis Réard , ecco l’eroe tanto atteso ebbe un’intuizione unica. Un bel giorno decise di dedicarsi all’attività di lingerie iniziata dalla madre. Sulle spiagge di Saint Tropez, Réard, vide che le donne spesso arrotolavano i costumi il più possibile per avere un’abbronzatura migliore. Soprattutto, lo facevano per abbronzare zone del corpo altrimenti non baciate dal sole.

Ecco allora che decise di realizzare un costume ancora più incredibile. Un capo che scoprisse l’ombelico delle donne. Nasce così il primo bikini, che deve il nome alle Isole Bikini. Ma le cose non andarono subito alla grande. Anzi.

Basti pensare che Réard non era in grado neanche a trovare una modella che volesse indossare il costume: era, per i canoni del tempo, davvero troppo succinto. Lo stilista ingaggiò una spogliarellista che non aveva alcun problema a mostrarsi al pubblico.

La presentazione ufficiale affascinò i media e il pubblico. Un plauso collettivo di stupore verso la nuova creazione. Molti uomini, quasi 50.000 scrissero per congratularsi della invenzione. Chissà perché…



Il successo del bikini


Il Bikini, oggi fa parte del guardaroba comune di ogni donna. Tutte le donne indossano bikini che nel corso degli anni hanno trovato nuova linfa creativa nelle visoni di diversi fashion designer.

Anche le bambine amano indossare il bikini in spiaggia. Il Bikini ancora oggi, è la tipologia di costume più apprezzata e ogni anno vediamo nuovi colori, nuove forme e nuove tendenze. Tuttavia una cosa è certa: il Bikini rimane un capo must have dell’estate al mare. Non ti resta che dare un’occhiata alla collezione Beachwear Kiniby donna oppure Beachwear Kiniby Uomo e Store kiniby




Kiniby SS23


Concetto di CO2 Control® I tessuti della linea CO2 Control® sono il risultato della costante ricerca di Santaconstancia® per sviluppare una produzione tessile più rispettosa del corpo umano e dell'ambiente. Sono tessuti sviluppati da materie prime che causano un minore impatto sull'ambiente, sia nella loro produzione che nello smaltimento, come: poliammide da fonte rinnovabile, poliammide biodegradabile (che si decompone in discarica, in condizioni anaerobiche), fibre coltivate in foreste gestite, non utilizzo di prodotti tossici o nocivi per la salute umana e tracciabilità della produzione. Inoltre, i prodotti con l'etichetta CO2 Control® utilizzano l'acqua di riutilizzo nei processi di tintura e stampa, garantendo così l'uso responsabile dell'acqua lungo tutta la linea di produzione. Certificados e reconhecidos internacionalmente por uma séria e renomada auditoria, os tecidos da linha CO2 Control® recebem o selo Oeko-Tex® Classe I, que atestam que os nossos artigos são isentos de produtos tóxicos à pele humana.




15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page